martedì 30 dicembre 2014

Cavalcanti

Veggio negli occhi de la donna mia
un lume pien di spiriti d’amore,
che porta uno piacer novo nel core,
sì che vi desta d’allegrezza vita.
  Cosa m’aven, quand’ i’ le son presente,
ch’i’ no la posso a lo ’ntelletto dire:
veder mi par de la sua labbia uscire
una sì bella donna, che la mente
     comprender no la può, che ’mmantenente
ne nasce un’altra di bellezza nova,
da la qual par ch’una stella si mova
e dica: «La salute tua è apparita».
     Là dove questa bella donna appare
s’ode una voce che le vèn davanti
e par che d’umiltà il su’ nome canti
sì dolcemente, che, s’i’ ’l vo’ contare,
     sento che ’l su’ valor mi fa tremare;
e movonsi nell’anima sospiri
che dicon: «Guarda; se tu coste’ miri,
vedra’ la sua vertù nel ciel salita».

Nessun commento: