giovedì 21 agosto 2014

Il mulino di Amleto (da rileggere)


Giacomo e Giovanni sono i figli del tuono 
(Boanerges così li chiama Gesù)
così come: Castore e Polluce, i Dioscuri figli gemelli di Zeus
Magni e Modi successori di Thor
...

...anche il mito è una «scienza esatta», dietro la quale si stende l’ombra maestosa di Ananke, la Necessità

Anche il mito opera misure, con precisione spietata: non sono però le misure di uno Spazio indefinito e omogeneo, bensì quelle di un Tempo ciclico e qualitativo, segnato da scansioni scritte nel cielo, fatali perché sono il Fato stesso.

È questo Tempo che muove il «mulino di Amleto», che gli fa macinare, di èra in èra, prima «pace e abbondanza», poi «sale», infine «rocce e sabbia», mentre sotto di esso ribolle e vortica l’immane Maelstrom.

 il «mulino di Amleto» si rivelerà alla fine essere la stessa «macchina cosmica».

 il mito si lascia spiegare soltanto in forma di mito: la struttura del mondo può essere soltanto raccontata.

 Il mulino di Amleto apparve negli Stati Uniti nel 1969


Nessun commento: